Nuova chiusura S.U.P.E.R. leggera per acqua gassata

 

In occasione della Fiera DRINKTEC che si terrà a Monaco di Baviera dal 16 al 19 Settembre prossimi verranno presentate le nuove capsule per imboccatura 26/22 dedicate all’imbottigliamento di bevande gassate.

Infatti, mentre la capsula per acqua naturale modello CDS 26.2 ha cominciato a conquistare i suoi spazi di Mercato, la sua gemella per acqua gassata, denominata S.U.P.E.R. si affaccia all’attenzione degli imbottigliatori.

 La sperimentazione di questa capsula è già avviata da tempo, i tests di Laboratorio e i tests in linea di imbottigliamento ne stanno confermando le prestazioni di tenuta della CO2 su acque minerali gassate con risposte qualitative più che adeguate.

 A differenza della versione CDS 26.2 (1.0 grammo) per acqua naturale la versione S.U.P.E.R. ha un peso leggermente superiore (1.5 grammi) e, naturalmente, una forma chiaramente più strutturata per resistere alle sollecitazioni di un imbottigliamento in pressione.

Le bottiglie con imboccatura tipo S.U.P.E.R. hanno una filettatura mono principio dimensionalmente compatibile con la versione 26.2 a livello di manipolazione delle preforme e di soffiaggio delle bottiglie.

  Per il 2014 è prevista l’uscita sul Mercato della versione definitiva della capsula S.U.P.E.R.

 L’importanza del progetto risiede nel fatto che si tratta del tappo più leggero in assoluto presente sul Mercato utilizzabile con prodotti gassati fino a 3,5 volumi di CO2 / litro.  Da sottolineare inoltre tutta la serie di vantaggi derivanti della riduzione di peso e di ingombri del pacchetto capsula-imboccatura.  

 

Non si tratta infatti solo di una corsa esasperata verso il sempre-più-leggero o il sempre-più-piccolo, questa evoluzione si traduce anche in ritmi produttivi più ecologici per così dire, che garantiscono, a parità di quantitativo prodotto, un minor impatto ambientale a tutti i livelli: minor energia per produrre maggiori quantitativi di prodotto, minori trasporti sulle strade per i maggiori volumi trasportati, minor quantità di materie plastiche immesse nel circolo ambientale e impegno di spazi di immagazzinaggio proporzionatamente minori rispetto alle analoghe capsule 28-3P presenti sul Mercato.

 

×

I commenti sono chiusi.